Amianto: Operaio Di Castellammare Morto, Risarcito Con Un Milione Di Euro

129

Sentenza storica. Così è stata definita la decisione del giudice del lavoro del Tribunale di Torre Annunziata che ha disposto un risarcimento di un milione di euro per la famiglia di un operaio di Castellammare di Stabia, morto per mesotelioma da esposizione alle fibre di amianto il 5 marzo 2016. L’avvocato Bonanni di ONA, Osservatorio Nazionale Amianto, ha parlato di sentenza storica per i lavoratori che sono stati negli anni a contatto con la fibra killer nella cantieristica navale. Tra il 1963 e il 1995 l’operaio ha lavorato per un’azienda, la Sait, alla quale la Fincantieri si rivolgeva spesso per impegnarne gli operai. Le numerose testimonianze di altri operai, che hanno affiancato negli anni il collega risarcito, hanno sottolineato che il lavoro veniva svolto sempre senza strumenti di prevenzione tecnica e protezione individuale.