Camorra: Sequestro Di Beni A Imprenditore Vicino Ai Casalesi

65

Beni per 350mila euro sono stati sequestrati a Giuseppe Morrone, imprenditore ritenuto vicino al clan dei Casalesi, figlio di Pasquale, storico capozona dell’organizzazione criminale, in particolare del gruppo Bidognetti. Morrone, già destinatario di un provvedimento di applicazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la durata di anni 2 e 6 mesi, è stato condannato per associazione camorristica, estorsione e traffico di droga. Dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, è emerso che Morrone avrebbe gestito le estorsioni agli imprenditori della zona, imponendo l’installazione di apparecchi per il videopoker in bar e locali di Castel Volturno, in provincia di Caserta. Tra i beni sequestrati a Morrone ci sono quattro immobili ed un’azienda di allevamento di bufale.