Operazione Anticamorra: 30 Arresti

412

Con le accuse di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto abusivo di armi e spaccio di stupefacenti, tutti reati aggravati da finalità e metodo mafiosi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno tratto in arresto 30 persone. Gli arrestati sono ritenuti appartenenti al clan camorristico Sequino, attivo nel rione Sanità, dove si contende il predominio sugli affari illeciti con il clan dei “Vastarella”. Secondo quanto emerso dalle indagini, la guida del clan Sequino è sempre rimasta nella mani dei capi storici Salvatore e Nicola, che davano gli ordini agli affiliati anche dal carcere, approfittando dei colloqui. Sempre all’alba di oggi la Squadra Mobile della Questura di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre esponenti di vertice del clan Vastarella, i quali, nel 2016, parteciparono ad un raid nel quale fu ferito Giovanni Sequino. I tre uomini sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo camorristico, di associazione per delinquere finalizzata alla detenzione e alla cessione di sostanza stupefacente e di tentato omicidio ai danni appunto di Sequino. Uno dei tre è stato catturato in un appartamento di Guidonia, in provincia di Roma, dopo avere tentato una rocambolesca fuga sui tetti dell’abitazione.