Fedele: “L’Inter gioca alla grande per un’ora, poi si ferma. Questo può favorire il Napoli sabato”

281

Enrico Fedele parla a Marte Sport Live: “L’Inter gioca alla grande per un’ora poi sembra che si ingessi, questo può essere positivo per il Napoli. Ripeto peraltro che secondo me ha una rosa superiore al Napoli. L’importante è non perdere, io comunque guardo alle partite con Cagliari e Lazio, in queste partite il destino del Napoli sarà disegnato. Con un Ghoulam prima maniera, il Napoli è una squadra molto competitiva. Zielinski fuori contro l’Inter? Mai. L’importante sarà non far giocare Brozovic, in fase di inizio giocata dovrebbe prenderlo Osimhen perché l’attaccante è il primo difensore sul play. Koulibaly certamente deve giocare, su Anguissa sono indeciso perché cambiare la squadra vuol dire cambiare gli equilibri. Osimhen è un atleta prestato al calcio: ha corsa e salto però è un po’ prestato al pallone. Non è molto pratico per certe cose, speriamo impari e sia meno furioso. L’anno scorso Osimhen ha fatto 24 partite solo, ora anche meno. I suoi infortuni sono occasionali o per eccessivo furore? Lo capiremo. Mertens al posto di Insigne dall’inizio? Il Napoli ha la sua identità, inutile spostare gli equilibri. Possiamo giocare sempre in 16 giocatori e Osimhen-Mertens può essere una coppia utile. Lobotka ha meno fisicità di Anguissa però è ordinato e fa funzionare il congegno. Contro l’Inter soffrire e poi attaccare? Farei di tutto per evitare di soffrire in verità. L’Inter a volte eccede nel gioco sul portiere e sono tutti alla ricerca di Brozovic, senza di lui perdono gli equilibri, senza Bastoni non hanno altri giocatori che sappiano impostare. Il Napoli ha un solo grande pericolo contro: i calci da fermo. Perisic? Giocatore che ha una grande vitalità ma l’alterna a errori enormi. Peraltro fa fatica in fase difensiva. Deve giocare Anguissa o Fabian Ruiz? Per me deve giocare il primo”.