Fedele: “Nessun dramma se Insigne accettasse Toronto. Juve-Napoli sfida decisiva per il quarto posto”

238

Enrico Fedele parla a Marte Sport Live: “Insigne? Non bisogna disperarsi se dovesse accettare il Canada. Non esiste più il calcio di una volta, ogni giocatore rappresenta una propria azienda, quindi è giusto che capitalizzi ciò che gli venga offerto. E’ fuori discussione che D’Amico abbia rapporti ottimali con il club canadese per via del precedente di Giovinco. Ma le trattative quando sono così importanti non si dicono, se invece si spiattellano perché lo si fa? Se fosse una trattativa quasi al 100% completa perché è ancora qui. Se fossi Insigne io andrei a nuoto lì. Le reazioni del tifo contro Insigne? Come un amante tradito. Anche Paolo Cannavaro e Taglialatela subirono lo stesso trattamento. Credo che il napoletano voglia che il calciatore partenopeo abbia un cordone ombelicale che non si recide. Però il calcio è cambiato in tutto: ci sono il VAR, il gol-non gol, le 5 sostituzioni. Purtroppo ci sono ancora romantici, come me, che hanno vissuto un certo calcio e ringraziano Dio. Ma bisogna adeguarsi. Se perdi contro Empoli o Spezia è la fine del mondo, nessuno dei giocatori di quelle squadre giocherebbe nel Napoli attuale. Napoli-Verona? Non c’è una spiegazione, se non nella famosa qualità che non si compra e di cui parliamo da anni. C’è stato un grande girone di ritorno ma il calcio ha un solo obiettivo, il gol. Se non lo fai, il resto è un’insalata di pasta. Napoli-Lazio e la partita di Mertens? Ci sono state delle marcature molto allegre, conosciamo Sarri. Quella gara è stata un’illusione così come anche le prime partite. Di fatto avevamo giocato contro nessuno, la stessa Juventus sembrava il Nola. Se perde a Torino il Napoli rischia il quarto posto. La Juventus andrebbe a 2 punti. Non sia mai poi si perdesse con più di un gol di scarto. Atalanta, Juventus e Napoli si giocano due posti Champions League. Insigne fuori rosa fino a giugno? No. Questa cosa di Insigne è stata la manna dal cielo per i social e le trasmissioni radio”.