Marchetti: “Il futuro di Spalletti? Al momento escludo una separazione, lui e De Laurentiis ovviamente dovranno confrontarsi”

182

Luca Marchetti parla a Marte Sport Live: “Il futuro di Spalletti? De Laurentiis crede molto in lui, però bisogna sempre fare i conti con tutte le parti in causa. Tenere un allenatore contro la sua volontà sarebbe il più grande degli errori. In questo momento, non c’è l’ipotesi di pensare a qualcun altro, almeno nella testa di De Laurentiis. Non vedo nubi all’orizzonte e, ad oggi, escludo una separazione. Se poi Spalletti decide di andare via lui dopo aver vinto quasi tutto, è un altro discorso: in quel caso, se è lui a deciderlo, può lasciare. Spalletti potrebbe aprire un grande ciclo. Quest’anno sta riuscendo a coronare il sogno di vincere lo Scudetto e nulla gli impedisce di farlo anche l’anno prossimo. Il parallelo Osimhen-Haaland? Possiamo farlo senza vergognarci per l’impatto che ha nella partita. E già questo non è poco. Non dico che sia più forte, perché lo scandinavo ha una capacità realizzativa enorme, ma parliamo comunque di un grandissimo centravanti. Mi resta il dubbio di vedere Osimhen come numero nove del Manchester City, per capire cosa farebbe nello stesso contesto. Haaland ha fatto più gol che presenze: è una cosa incredibile. Osimhen vale 150 milioni, la dirigenza del Napoli per meno di certe cifre non si siede a parlarne. Oggi è uno degli attaccanti più forti al mondo ed è normale che si parli di lui anche per squadre di caratura internazionale come le big del campionato inglese. Il futuro di Kvaratskhelia? Almeno un altro anno a Napoli secondo me resta, c’è un progetto di crescita su di lui, il club ha creduto in lui, ci sarà sicuramente un rinnovo con adeguamento. Poi è chiaro nel mercato tutto è possibile, ma anche il georgiano penso voglia fare un altro step in azzurro. Osimhen e Kvaratskhelia a lungo nel Napoli, purtroppo, non penso che li vedremo”.