Napoli, terza sconfitta consecutiva in trasferta: il Verona vince 2-0 con la doppietta di Toni

251

Solito Napoli. Terza sconfitta consecutiva in trasferta e qualificazione in Champions che si complica. Gli azzurri potrebbero ritrovarsi al quarto posto in classifica perché hanno smarrito il ritmo giusto in campionato. La squadra di Benitez paga il solito atteggiamento sbagliato alla partita: primo quarto d’ora di totale assenza e gol praticamente regalato al Verona, bravo ad approfittarne con Toni che sbilancia Mesto e brucia Andujar.  Il Napoli si sveglia dopo la mezz’ora: Inler finalmente riesce ad impostare, Mertens e Zapata hanno due buone occasioni, ma non trovano il pareggio. Sembrerebbero i presupposti di una ripresa diversa, ma il Verona trova il raddoppio ancora con Toni. Hallfredsson sfrutta l’errore di David Lopez, s’invola sulla sinistra e poi serve il bomber, bravo in area di rigore. Entrano Callejon, Higuain e Gabbiadini, ma la reazione del Napoli è confusa. L’unico vero sussulto è l’incrocio dei pali colpito da Gabbiadini. Il Verona vince. Per il Napoli è notte fonda: contro Palermo, Torino e Verona, sei gol subiti e uno solo all’attivo.

 

VERONA (4-3-3): Benussi; Sala, Rodriguez, Moras, Pisano; Obbadi (25’ st Lazaros), Tachtsidis, Hallfredsson; Gomez  (21’ st Greco), Toni, Jankovic (40’ st Martic). A disp: Rafael de Andrade, Gollini, Sorensen, Marques, Brivio, Agostini, Campanharo, Saviola, Lopez, Lazaros, Fernandinho. All. Mandorlini.

 

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Mesto  (22’ st Higuain), Albiol, Britos, Ghoulam; Inler, David Lopez; De Guzman  (16’ st Callejon), Hamsik (37’ st Gabbiadini), Mertens; Zapata. A disp: Rafael Cabral, Colombo, Maggio, Zuniga, Luperto, Jorginho, Insigne. All. Benitez.

 

ARBITRO: Banti di Livorno

RETI: 7’ pt e 6’ st Toni

NOTE: espulso Sala al 45’ st per doppia ammonizione. Ammoniti Sala, Juanito Gomez, Mesto, Ghoulam, Albiol, Obbadi, Tachtsidis, Lazaros, Gabbiadini, Britos e Toni. Angoli 5-6. Recupero 2’ pt, 5’ st.