Selvaggi: “Nessuno dà fiducia ai giovani italiani. Giocano pochissimo, questo è il problema”

229

Franco Selvaggi parla a Marte Sport Live: “Il Napoli sta esprimendo un gioco bellissimo, gioca meglio in Europa sicuramente, anche del Manchester City. La forza delle squadre poi dipende anche dalla solidità della difesa e dai singoli. La squadra di Spalletti quest’anno può battere chiunque, poi dipende anche dalla giornata. Il Napoli ha strapazzato il Liverpool e l’Eintracht, prove significative della forza di questa squadra. Napoli-Milan di Champions? In base alle ultime prestazioni gli azzurri sono favoritissimi, ma non sottovaluterei l’orgoglio dei rossoneri: quando si viene da periodi negativi c’è poi una reazione che può portare a prestazioni importanti, specie in due partite singole. L’Italia senza attaccanti? Il problema è che i nostri giovani talenti giocano pochissimo, gli allenatori hanno timore a lanciarli. Io ho fatto responsabile Under 16 delle nazionale sino alla pandemia, ho avuto Kean, Miretti e Fagioli che sono giocatori di talento, ma se non fanno la necessaria esperienza… Anche nelle squadre come Udinese o Torino di italiani non c’è traccia. Ho fiducia, anche se sembrano lontani i tempi in cui tenni a battesimo Paolo Maldini e Roberto Mancini che esordirono a 16-17 anni. Oggi nessuno fa esordire calciatori così giovani. Retegui? Non lo conosco, succede anche questo nel calcio moderno, ovvero che esordisce in Nazionale un calciatore che non conosciamo. Dà la misura dello stato in cui si trova il calcio italiano»