Calaiò: “Peccato per l’addio di Mertens. Mancano leader nello spogliatoio, Spalletti dovrà fare la differenza”

233

Emanuele Calaiò parla a Marte Sport Live: “Mertens? Uno ci sperava fino all’ultimo, ma bisognava essere realisti. Queste cose portate alle lunghe rischiano poi di non concretizzarsi. Questo matrimonio è finito per una serie di cose ed è un peccato perché poteva fare comodo al Napoli. Mi dispiace che un giocatore come lui che ha fatto la storia, se ne debba andare senza una festa. Questo è il calcio e le bandiere non esistono più. L’argomento che dobbiamo affrontare è questo: il Napoli come società ha deciso di fare una rifondazione e abbassare gli ingaggi, ma bisogna vedere se avrà ragione. È andato via Insigne perché aveva un ingaggio importante ed è stato preso Kvaratskhelia. A Mertens hai offerto 2.4 milioni all’anno, ma bisogna capire se riesci a trovare un’alternativa giovane. Spalletti leader? Quello sicuramente. Quando parlavo di rifondazione parlavo di gente nuova che porta freschezza alla società. Sta nascendo un Napoli più spallettiano, più giovane. La cosa che mi fa più paura è quella che non vedo tanti leader di spogliatoio. Spalletti deve essere leader in panchina, ma all’interno dello spogliatoio ci deve essere qualcuno che prende la situazione in mano quando le cose vanno male. Speriamo che il Napoli e Spalletti abbiano fatto la cosa giusta. Speriamo che Simeone possa essere l’alternativa ad Osimhen. Speriamo che Kim non faccia rimpiangere Koulibaly. Osimhen? È la ciliegina sulla torta, la vera prima donna di questa squadra su cui ci si deve appoggiare. È normale che dichiari amore eterno, ma se ti arriva un’offerta irrinunciabile del Bayern, i discorsi vanno un po’ all’aria. Il Napoli punterà tutto su di lui, che può migliorare ancora con un altro anno di Serie A. Se farà 30 gol in stagione, il suo cartellino si impennerà”.