Tosto: “Quando il Napoli mi chiese un consiglio tra Di Lorenzo e Trippier, non ebbi dubbi. Giovanni vale almeno 40 milioni di euro”

199

Vittorio Tosto parla a Forza Napoli Sempre: “La dichiarazione di Di Lorenzo – che ha detto che nel Napoli si divertono come nella Nazionale che ha vinto l’Europeo due anni fa – significa molto. Significa che le cose stanno andando alla grande e Di Lorenzo ha il vento in poppa già da qualche anno e i risultati non sono casuali. Se uno ottiene un titolo importante, come l’Europeo, significa che è scattata una molla che ti fa porre come altro obiettivo diventare campione d’Italia. Quando Di Lorenzo giocava nelle giovanili della Lucchese, poi a 15 anni si trasferì a Reggio Calabria, beh allora questo ragazzino aveva qualcosa di importante nella testa. E poi Matera, Empoli e il giovane Di Lorenzo non ha mai e poi mai saltato un allenamento. Parliamo di uno che era quindi destinato, persona serissima. E già dal Matera io proponevo Di Lorenzo a grandi squadre, tra le quali il Napoli, proprio perché avevo capito che persona era. Quando poi il Napoli mi chiese sinceramente cosa pensavo di Di Lorenzo perché loro volevano investire 10mln di euro io risposi che Tripper – all’epoca vicino al Napoli per 30mln – era già arrivato ed aveva già il suo valore mentre Di Lorenzo aumenterà il suo valore, economico e atletico perché diventerà un giocatore internazionale e forse vincerà qualcosa di importante. Oggi, infatti, secondo me, vale circa 40mln ed è un giocatore che non salta una partita, nel Napoli come in Nazionale. E credo che ne avrà ancora per 5 o 6 anni. Già 25 anni fa Spalletti era ambito da tutti noi calciatori. Ognuno voleva averlo come allenatore perché lui ti migliorava individualmente, ti faceva tirare fuori quelle conoscenze tattiche e ti allenava cercando sempre di darti qualcosa in più. Oggi, quindi, Spalletti ha raggiunto il massimo della sua esperienza come insegnante e possiamo dire che è diventato un Rettore di Università”.